Psicodiagnosi Musicale (il Riccardo)

Si presenta nel mio studio il signor Riccardo, uomo di 27 anni dall’aspetto leggermente trasandato. Il paziente racconta di recarsi ogni sera in un bar, vicino al suo domicilio, e cominciare a giocare da solo a biliardo senza riuscire a relazionarsi con i consueti avventori che ormai vede da parecchi anni (l’infelice Maffini, la bella Ines, Dante il balordo, Nico il calciatore). Ogni volta che qualcuno si avvicina per giocare o scambiare due chiacchere, il paziente riferisce di bofonchiare qualche scusa ed uscire di corsa dal bar. Nonostante il posto sia frequentato da modesti personaggi milanesi Riccardo si sente sempre inadeguato, e col terrore di subire critiche o rifiuti da parte delle altre persone.

 

Analizzato il caso e svolti gli adeguati approfondimenti diagnostici, tenderei ad escludere un Disturbo Schizoide, visto il desiderio di relazione espresso dalla quotidiana visita al bar, e propenderei per un Disturbo Evitante di Personalità.

Come intervento terapeutico consiglio un ascolto a carattere supportivo-espressivo della canzone “Il ballo di Simone” di Giuliano e i Notturni, per favorire un incoraggiamento all’esporsi nelle situazioni temute. L’ascolto inizialmente sarà individuale, ma in seguito potrebbe anche divenire di gruppo.

Lukas  Zimbardo

Pubblicato in Terapie Musicali | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Top 5 “Relax”

 


Ed eccoci qui, per la prima Top 5 di Monty Ferrer! Come molti di voi sapranno, la musica è uno strumento fantastico per condizionare l’umore, in quanto va ad agire sui livelli di ormoni prodotti nel cervello, lo strumento più importante di cui è dotato l’essere umano, pertanto ho deciso di cominciare con una top 5 rilassante composta da alcuni celebri pezzi.

Come potrebbe mancare infatti “Here comes the sun“, celeberrima canzone dei Beatles, il gruppo originario di Liverpool che ha fatto la storia della musica, che si trova al primo posto della nostra top 5. Seguita a ruota da “Hey there Delilah” dei Plain White T’s e da “The times they are a changing” del grande Bob Dylan. In quarta posizione troviamo poi “Every breath you take“, celeberrimo pezzo dei Police del 1983 che rimase in testa alle classifiche americane di quell’anno per addirittura 8 settimane consecutive.
Infine, last but not least, troviamo “A whiter shade of pale“, cantata dai Procol Harum nel lontano 1967, canzone senza età che ebbe numerose reinterpretazioni in lingue diverse, basti pensare alla canzone “Senza luce” dei Dik Dik.

E sulle note di queste straordinarie canzoni vi saluto! alla prossima settimana con le Top 5 di Monty Ferrer!
E ricordate: non è semplice essere forti, ma è forte essere semplici!

Monty Ferrer

Pubblicato in Top Five | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Effettoradiob5og

 

Quello che a noi realmente interessa è la vita, senza ombra di dubbio e dunque, il colore delle persone, il gusto e l’anima delle cose; è vero  sono fragili ma ci appartengono, il resto è mediocrità, il resto è polvere…

Quello che a noi realmente dispiace è di non sentire tutto il magnetismo che creiamo dentro quando ve lo buttiamo addosso con la speranza che ci capiate qualcosa, quando vi allaghiamo di luce, sperando nella vostra comprensione…

Quello che però a noi meraviglia e consola, è che siamo tutti parte della stessa storia, volenti o nolenti, finiremo per vivere o morire insieme….

diamo inizio ad un altro anno effettivo, il 2012……..

Sille Apa Delmonte

Pubblicato in Frequenze Radiofoniche | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento